Post

Mangalica, il maiale pregiato dei Balcani è allevato in Romagna

di Marco Valeriani 😊 Cosa unisce la Valconca - e più precisamente le colline Saludecio - alla Tuscia e più nello specifico a Viterbo? La risposta è: il maiale Mangalica .   L’azienda agricola Fausto Zavoli, nella zona della Pulzona, non è nuova all’introduzione di razze animali il cui prodotto lavorato - parliamo di salumi, insaccati e tagli freschi - riscuote particolare attenzione da parte dei consumatori abituali e degli estimatori di rango.   Accanto alla Mora Romagnola - suino dal mantello di colore scuro, particolarmente diffuso in Romagna fino alla prima metà del Novecento e poi “riscoperto” nel 1988 da un allevatore faentino quando ormai si credeva estinta - l’azienda Zavoli fa convivere pure il Rustichello Romagnolo e, spaziando ancora un po’, il Bovino Romagnolo . Quest’ultimo, antichissimo simbolo della tradizione contadina e oggi Presidio Slow Food  assieme alla già citata Mora.  Esemplari di Mangalica allo stato brado Unico allevamento dell’Italia Settentrionale e de

La Tana Gourmet insignita del premio internazionale "Books for Peace"

Ravenna, Alessandra Ravagli: vini che sprizzano energia

Chef Mazzaroni (Il Tiglio) si racconta a ItaliaSapore, l'intervista video

Chef Filippo Baroni: ordine, estetica e piacere nel Casentino

Cuochi emergenti, Antonio Tolve: 20 anni e idee molto chiare

Chef Eleonora Masella, dalla sua "Credenza" spuntano capolavori

Buonpastore, l'entusiasmo porta solo buoni formaggi

Katia Malizia, scocca una scintilla tra Arte e Cake Design